Giovanni Manieri Elia

Laureato con lode in Architettura nel 1995, con la tesi: Interventi strutturali nell’architettura storica: le Rocchette di Todi; relatore prof. Antonino Giuffrè, presso l’Università “La Sapienza” di Roma.
Dottorato di Ricerca conseguito nel 2003 presso l’Università “La Sapienza” di Roma in “Tecnologie dell’architettura”, con Tesi finale dal titolo: Interventi di restauro sul patrimonio archeologico romano: tecnologie e metodologie.
Membro del Consiglio Scientifico dell’ARCo dal 2001.
Membro dell’ ISCARSAH dal 2004 (International Scientific Commettee for Analysis and Restoration of Structures of Architectural Heritage).Si occupa dal 1992 di progettazione e direzione dei lavori per interventi su edifici e contesti di rilevanza storico-monumentale. Insegna dal 1996 presso le Facoltà di architettura di Roma 1 e di Roma 3 materie riguardanti il restauro e il recupero di edifici storici, in particolare da un punto di vista tecnologico e strutturale, secondo un’ottica che cura particolarmente la comprensione la conoscenza e le potenzialità delle tecnologie costruttive tradizionali.
Tra i lavori principali:
– Villa Adriana, interventi strutturali presso la “Casina degli Architetti” e il “Ninfeo Repubblicano” (coprogettazione, 1997 – ’98);
– Marsciano (PG), progetto definitivo ed esecutivo (coprogettazione) per il restauro e recupero funzionale di Palazzo Pietromarchi, da adibire a Museo del Laterizio, Archivio Storico e Sale Mostre, della piazza antistante e della scalinata urbana, nonché la direzione dei lavori per la loro realizzazione (2001- ’04);
– Arsoli (RM), progettazione architettonica esecutiva e direzione dei lavori per il recupero e valorizzazione del Centro Storico: restauro e recupero di tre edifici storici, piazze, pavimentazioni e arredo urbano,(coprogettazione 2004 – ’09);
– Roma, progetto preliminare per la risistemazione di Piazza Augusto Imperatore e del Mausoleo di Augusto. Concorso internazionale, primi classificati (coprogettazione, 2007).
È, inoltre, autore di numerose pubblicazioni molte delle quali si trovano negli Atti dei Convegni Nazionali dell’ARCo e del libro Metodo e tecniche del restauro architettonico, Carocci, Roma 2010. 
È stato funzionario nella Soprintendenza di Lucca (2012-2015).
È attualmente  funzionario alla Direzione Generale Archeologia Belle Arti e Paesaggio.
Share Tweet Pin it



X