Contemporaneità & conservazione La sfida della qualità nell’architettura

 

Venezia, ottobre 2000

La legge di riforma del Ministero per i Beni e le Attività Culturali ha riconosciuto tra le sue nuove competenze la promozione dell’arte e dell’architettura contemporanee, prodotti della cultura attuale da incoraggiare nelle loro espressioni di qualità.
In questa nuova visione allargata, diventa tanto più necessario il confronto delle esigenze di salvaguardia del patrimonio storico e paesaggistico con il mondo professionale che opera per la trasformazione del territorio.
Su questi temi Contemporaneità & Conservazione ha voluto aprire un confronto aperto e diretto, con l’obiettivo di ricercare convergenze su alcune linee guida relative al rapporto dialettico tra conservazione del patrimonio storico e nuova progettualità.

Presentazione

Pio Baldi – Direttore generale per i beni ambientali e paesaggistici
interventi di:
Massimiliano Fuksas
Marino Folin
Roberto Cecchi
Raffaele Sirica
Giampaolo D’Andrea

L’architettura contemporanea e il patrimonio edilizio storico italiano,
Mario Lolli Ghetti
– Modena: La porta alla città di Frank O. Gehry
interventi di:
Giovanni Losavio
Pippo Ciorra
– Firenze : Piazza Castellani. Il progetto di Arata Isozaki
interventi di:
Paolo Marconi
Uberto Siola

Il dibattito:
Francesco Cellini, Cesare Casati, Stefano Casciani, Carlo Alberto Barbieri, Maurizio Bradaschia, Alberto Ferlenga

L’architettura contemporanea e il paesaggio storico italiano,

Ruggero Martines
– Genova: Infrastrutture autostradali e viadotti
interventi di:
Roberto Della Seta
Mosè Ricci

– I tralicci Enel: il concorso internazionale “Sostegni per l’ambiente”
interventi di:
Gaia Pallottino
Aldo Aymonino


Il dibattito:

Alberto Clementi, Mario Antonio De Cunzo, Luca Guido, Ugo Carughi, Liliana
Pittarello, Gianni Cottafavi, Lorenza Bolelli

Conclusioni:
Massimiliano Fuksas, Pio Baldi

112 pp. con allegato il Cd – Omaggio agli iscritti dell’ARCo fino ad esaurimento

 

Share Tweet Pin it



X