Atti del seminario di studi – La reintegrazione nel restauro dell’antico – La protezione del patrimonio dal rischio sismico

a cura di Maria Margarita Segarra Lagunes

Paestum, aprile 1997

Il volume, edito dall’ARCo (Associazione per il Recupero del Costruito) in collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Ambientali Architettonici Artistici e Storici di Salerno e Avellino e quella Archeologica di Salerno, Avellino e Benevento, affronta, in occasione del restauro dei templi di Paestum, il tema delle reintegrazioni ed accoglie contributi di esperti italiani e stranieri su esperienze attinenti al settore del restauro dell’antico, nonché sull’ampia tematica della protezione del Patrimonio dal rischio sismico e sui problemi connessi con la risignificazione e con la fruizione compatibile dei monumenti antichi.
Nell’attuale momento di ripensamento teorico e di meditata sperimentazione operativa sulle metodologie della conservazione, le iniziative in atto su una vasta fascia dell’area mediterranea (dall’Acropoli di Atene a Villa Adriana, da Efeso a Merida e Sagunto, dalla stessa area archeologica centrale romana sino al Marocco) inducono a riflettere sull’esistenza, e sulla rilevanza operativa, di uno spazio di specificità relativo, appunto, al restauro dell’antico che, nel più vasto ambito del restauro architettonico e del restauro in generale, ritagli e determini un definito – ed eventualmente condivisibile – spazio metodologico e tecnico.

Conservazione / Reintegrazione tra teorie e storia
Relazione generale: M. Manieri Elia

Relazioni
M. L. Conforto, Continuità, discontinuità e interferenze di antiche strutture nella Crypta Balbi in Roma
S. D’agostino, La reintegrazione nel restauro dell’antico: conservazione strutturale tra tradizione costruttiva e innovazione tecnologica
A. Gonzàlez Moreno Navarro, L’abside Fregoli
J. Jokilehto, Il problema della reintegrazione
A. Ricci, Conservazione delle preesistenze e bisogni della città: una “integrazione” difficile
O. Rossi Pinelli, “Se per assurdo… una stessa opera e tre restauratori… “: integrazione o culto del frammento?

Problemi metodologici e di linguaggio architettonico
Relazione generale: P. Marconi

Relazioni ad invito
A. Bammer, L’antichità inventata, classicismo e anticlassicismo ad Efeso
D. De Bernardi Ferrero, Il tema delle reintegrazioni nei restauri del Teatro di Hierapolis di Frigia
S. Gizzi, Modelli di comportamento per la reintegrazione delle lacune nel restauro archeologico in ambito mediterraneo
M. Lolli Ghetti, Conservazione e riproposizione. Villa Adriana: due esempi
E. Pallottino, l modi ricostruttivi nel restauro dell’antico: obiettivi, criteri di valutazione e precedenti storici nell’area romana

L’aspetto strutturale della reintegrazione

Relazioni ad invito
G. Croci – A. Carri Ero – F. Sabbadini, Il Tempio di Surya a Konarak
M. Grazia Filetici, “Il frammento nel restauro archeologico”. L’integrazione di alcuni capitelli del Tempio Rotondo al Foro Boario
M. Korres, Restoration and reconstruction work on monuments in Antiquity
F. Mallouchou Tufano, La reintegrazione nel restauro archeologico in Grecia: percorso storico delle concezioni e delle pratiche d’intervento sui monumenti

Contributi al Seminario
L. M. Barile, La reintegrazione nella museografia dei siti archeologici
C. Ciavattini, L’aspetto strutturale del restauro
M. Cilla – R. Sabelli, La reintegrazione nel consolidamento di edifici antichi: alcuni esempi a Vulci
M. Corradi, Il ruolo della scienza del costruire nella ‘reintegrazione delle lacune’
P. D’Orsi, Archeologia e tutela in Francia
M. Dringoli, Interventi di consolidamento e reintegrazione per la conservazione di castelli medioevali
G. Franco, Aree antiche come “lacune urbane”? Riflessioni su alcuni interventi a Genova
C. Galli – F. Ropa – F. Selva, Materiali, tecniche, reintegrazione
M. Manieri Elia – D. Marchesi – M. Saito – M. M. Segarra Lagunes, Il Castello di Potenza: studi per la reintegrazione di una memoria
L. Marino – R. Gaudio, lntegrazioni reversibili nel restauro archeologico e l’uso del verde
S. F. Musso, “Integrare” o “re-integrare” l’antico?
A. Sansonetti – A. Pasetti – L. Trivella, Il monitoraggio degli interventi di integrazione delle lacune: proposta per una metodologia
M. Sassu, Sulla riconoscibilità statica nello studio e nel restauro di antiche costruzioni
M. A. Soheil, Reintegrazione e ‘de-integrazione’ nel restauro dell’antico: due casi in Iran
M. Trisciuoglio, La ricostruzione di paesaggi antichi come tema di architettura
P. Vitti, La reintegrazione dell’ordine composto della “Curia” di Paestum
P. Vitti – O. Voza, Il tempio dorico corinzio di Paestum: proposte per la sistemazione della decorazione architettonica

pp. 361 con illustrazioni, (euro 20,65)

Share Tweet Pin it



X